Messa in mora

€ 140

Redazione e invio della lettera raccomandata A.R. di messa in mora con diffida ad adempiere (opzionale ma consigliata e gradita dai Giudici).

I prezzi si intendono al netto dell’iva (22%)

Decreto ingiuntivo

h

€ 270

Redazione e deposito del ricorso per decreto ingiuntivo, estrazione copie e notifica decreto ingiuntivo.

Sono esclusi i costi di estrazione copie, delle spese di notifica, del Contributo Unificato e della Marca da Bollo:

Importo del debito Contributo Unificato e Marca da bollo
Da € 0 a € 1.033,00 € 21,50
Da 1.033,00 a 1.100,00 € 48,50
Da 1.100,00 a 5.200,00 € 76,00
Da 5.200,00 a 26.000,00 € 145,50
Da 26.000,00 a 52.000,00 € 286,00
Da 52.000,00 a 260.000,00 € 406,50
Da 260.000,00 a 520.000,00 € 634,00

I prezzi si intendono al netto dell’iva (22%)

Atto di precetto

€ 120

Richiesta e ritiro formula esecutiva, redazione e notifica atto di precetto.

Questa fase è opzionale. Generalmente viene eseguita una indagine patrimoniale sul debitore prima di procedere con questa fase esecutiva al fine di valutare la convenienza economica del proseguimento della fase esecutiva.

Sono escluse le spese di notifica e i costi fiscali che variano dal 3% al 15% del valore dell’importo ingiunto con un minimo di € 200,00.

I prezzi si intendono al netto dell’iva (22%)

Pignoramento

€ 490

Redazione e notifica atto di pignoramento, se questo ha esito positivo vi è l’iscrizione della causa al ruolo; dal momento dell’iscrizione della causa al ruolo, i costi relativi seguono i tariffari forensi (non compresi nei costi di questa fase).

Nel costo sono comprese le spese di notifica dai € 50,00 ai € 150,00 e la tassa di Registro pari ad € 200,00.

Sono esclusi i costi fiscali che variano in base al valore del credito e alla tipologia dell’esecuzione (mobiliare, immobiliare, presso terzi), i costi del Contributo Unificato e della Marca da bollo variano da € 43,00 a € 278,00.

I prezzi si intendono al netto dell’iva (22%)

Indagine patrimoniale

€ 220

Tra la fase monitoria e quella esecutiva spesso è consigliabile ed opportuno effettuare un’indagine patrimoniale sul debitore per valutare la convenienza economica del proseguimento della fase esecutiva.

Potrebbe essere anti-economico per l’amministratore ed il condominio procedere con la fase esecutiva quando non sono presenti beni aggredibili del debitore e la fase esecutiva risulterebbe un mero costo senza il recupero del credito.

I prezzi si intendono al netto dell’iva (22%)